Programma  escursioni 2020

 

 

12 gennaio 2020    -    Fumarole del SASSO (Monterotondo M.mo)

 Torniamo in questo splendido sito geotermico per vedere la forza primordiale della natura che qui si esprime in una ribalta unica. Dai primi vapori di Monterotondo ai veri e propri getti della collina sottostante il Monte, ricca anche di pozzette ribollenti. Scesi a Sasso Pisano per la sosta, ritorno verso Monterotondo attraverso la dorsale del Poggio Pelato.

Km 11, dislivello 390m . Difficoltà: media    

 2 febbraio 2020    -    Baia del SILENZIO (Sestri Levante)

 Il mare d’inverno in questa parte della Liguria offre la sua parte più bella e poetica soprattutto nel tratto che va da Punta Manara alla Baia del Silenzio, autentica oasi di pace nella “Sestri vecchia”. Da Sestri il percorso proseguirà verso la panoramica collina di Santa Giulia percorrendo un tratto dell’antica via romana dei 5 ponti. Ritorno a Riva Trigoso da dove siamo partiti, con il bus urbano.

km 11, dislivello 350m. Difficoltà: media

 1 marzo 2020      -      Il percorso delle ville medicee (Sesto F.no)

 Siamo tra Sesto Fiorentino e Castello proprio ai piedi del Monte Morello. Percorreremo il tratto collinare che più esprime il concetto storico ed architettonico dell’area, quello rappresentato dalla Ville medicee. Visiteremo la Villa Reale di Castello, Villa La Petraia, Villa Corsini, la Chiesa di S.Michele a Castello, percorrendo antichi stradelli e tratti di sentiero.

Km 10, dislivello 300m . Difficoltà: medio-bassa

 22 marzo 2020      -      Lucca segreta

 Città gioiello, frequentatissima e conosciuta per le sua storia e per la sua bellezza. Noi la visiteremo con un’attenzione rivolta verso i luoghi più nascosti, curiosi e misteriosi. Tra i baluardi ed i “passaggi” ultimamente recuperati, andremo a conoscere la parte meno nota di questi, cercando anche nelle numerose chiese, quelle che ospitano segreti ed enigmi.

 

19 Aprile 2020   -     Navigando lungo il delta del PO (pullman)

 Da Porto Garibaldi, vicino a Comacchio, ci imbarcheremo con il battello alla volta delle Bocche del Po di Gorino e del Po di Gnocca. Scenderemo sull’Isola dell’Amore costituita da un immenso banco di sabbia, dove sorge il Faro di Gorino. Pranzo a base di pesce a bordo del battello (viaggio+pranzo €35). Nel primo pomeriggio rientro verso Porto Garibaldi.

       

2 maggio 2020(sabato)   -    Giardino dei Tarocchi, Vulci e Capalbio (Pullman)

 Tra Montalto di Castro e Capalbio, visiteremo due realtà totalmente diverse ma che raccontano il fantastico connubio tra arte e natura. Visiteremo il Giardino dei Tarocchi con i suoi ciclopici e penetrabili giganti ricoperti da tasselli di vetro colorato, frutto dell’estro di Niki De Saint Phalle. Nel pomeriggio trekking dal Castello dell’Abbadia (ponte medioevale, gole sul Fiora) alle rovine di Vulci passando per il Laghetto del Pellicone racchiuso tra alti gradoni basaltici. Al ritorno, visitina a Capalbio per un caffè.

7 km, dislivello 150m. Difficoltà: media

  

2 giugno 2020      -      Trekking all’Isola Polvese (pullman) (Trasimeno)

 La Polvese è l’isola più grande del Lago Trasimeno ed è sicuramente la meno antropizzata, ma ha una sua storia rappresentata ancora oggi da vecchie vestigia. Da San Feliciano imbarco per raggiungere il molo della Polvese dove sorge il minuscolo borgo e il centro visita. Qui iniziano i facili sentieri e stradelli per il periplo completo dell’isola. Nel pomeriggio visita al borgo di Castiglione del Lago con la sua Rocca del Leone che controlla tutto il lago.

7 km, dislivello 100m

 5 luglio 2020     -        Sentiero delle Foreste casentinesi (Sassofratino)

 Partiremo dal Passo della Calla, come facemmo il 4 Ottobre del 1991, andando questa volta in direzione Est. Percorreremo il crinale avendo sulla sinistra la Riserva integrale di Sassofratino, area selvaggia, ripida e fratturata di rocce, ma estremamente bella e biologicamente pura. Alcuni monumentali faggi ci accompagneranno alla prateria sommitale di Poggio Scali (1520m) che offre panorami grandiosi, soprattutto verso nord.

10 km, dislivello 330 m. Difficoltà: media

 

13 settembre 2020   -  Monte Brugiana    (Apuane)

 Partiremo da Bergiola Foscalina, iniziando subito la salita verso la vetta della Brugiana a 960 m., da dove si gode un panorama grandioso su tutti i bacini carrarini e massesi. Sulla vetta sorge una grande croce bianca. Ritorno attraverso la zona della Pietra Bianca, il Parco della Resistenza e un agriturismo specializzato nel trekking a cavallo.
11 km, dislivello 460 m. Difficoltà: medio alta

 

11 ottobre 2020     -      Vie Cave di Pitigliano (pullman) 

 Spettacolare itinerario intorno a Pitigliano lungo alcune delle più famose “vie cave”. Percorreremo il “Cammino del Londini” un anello di circa 11 km, ultimamente riqualificato, che permetterà di affrontare tutte le Vie Cave di Pitigliano, da quelle più maestose come la V.c. di S.Giuseppe e la V.c. Fratenuti a quelle più tecniche come quella dell’Annunziata e quella della Madonna delle Grazie. Il ponte romano, la cascata del Londini, la V.c. Poggio Cani e soprattutto il borgo di Pitigliano, arricchiranno questo già entusiasmante percorso.

11km, dislivello 350 m. Difficoltà: medio-bassa

 

25 ottobre 2020    -     Anello di Fonterutoli    (Chianti)

 Siamo nel Chianti senese tra Badesse e Castellina in Chianti. Partiremo dal borgo di Tuopina e con stradelli e tratti di sentiero, raggiungeremo Quornia ed il Mulino di Bombi. Il percorso prosegue in leggera salita, arrivando a Fonterutoli (castello e cantina) da dove si gode un bellissimo panorama su Siena e la Valdelsa. Da qui piccola deviazione verso il borgo di Tregole, un tempo abbandonato e oggi in via di recupero. Ritorno in leggera e costante discesa alla volta di Tuopina attraverso la costa di San Leonino

14 km, dislivello 400 m. Difficoltà: media

 
8 novembre 2020    -    
Sentiero 154 (Apuane)

 Siamo nel vallone di Forno con tutte le Apuane che ci circondano. Non saliremo su di una vetta, ma cammineremo sul sent. 154, che in pochi chilometri racchiude tantissime curiosità. Lasciate le auto prima di Forno (parcheggio), risaliremo il Frigido, superando il bellissimo Ponte dell’Indugio, tutto il borgo, raggiungendo il vecchio Cotonificio sormontato dall’omonimo monolite. Vedremo l’enorme scaturigine dove nasce il Frigido, raggiungeremo il Pizzo della Bandiera e la Miniera dell’Onice. Da Casania, scenderemo alla strada che costeggia i canaloni di “Guadine Beach” per tornare, con vecchia sterrata, al Ponte dell’Indugio terminando il percorso.
Km 9, dislivello 500 m. Difficoltà: medio-alta

 

Eventuali modifiche o nuovi inserimenti di escursioni (nei periodi rimasti vuoti) saranno comunicati, come sempre, sul sito web e/o tramite Facebook/WhatsApp.

 

Il gruppo non è una società né un’associazione e pertanto non è responsabile nei confronti dei partecipanti alle escursioni. La partecipazione alle escursioni è un atto di libera scelta sotto la propria esclusiva e personale responsabilità.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

 

Eventuali variazioni o escursioni fuori programma saranno comunicati, come sempre, sul sito web o tramite Facebook

 

Il gruppo non è una società né una associazione e pertanto non è responsabile nei confronti dei partecipanti alle escursioni. La partecipazione alle escursioni è un  atto di libera scelta sotto la propria esclusiva e personale responsabilità.

 

 

www.ilrifugiotrekking.it